"La scienza dello yoga è molto semplicemente la scienza dell’essere in perfetto allineamento,  in assoluta armonia, in completa sincronia con l’esistenza.”

Sadhguru

La Tradizione Yoga

Secondo quanto è stato tramandato, il fondatore dello Yoga è stato proprio SadaŚiva, il mitico iniziatore, la figura primordiale dello yogi, un essere sospeso tra Terra e Cielo, Maestro in cui il Divino si incarna per dare forma al Mondo, il fondatore dei costumi, dell’amore, della musica, dell’arte e dello yoga tantrico.

Con il termine Yoga, dal sanscrito yuj significa “legare assieme” o “tenere stretto”, si suole disegnare una tecnica di ascesi, un metodo di contemplazione. In termini spirituali esso rappresenta il ricongiungimento dello spirito incarnato o individuale (JĪVĀTMĀ ) con lo spirito universale (PARAMĀTMĀ). Yoga non è la realizzazione in sé, ma i mezzi per giungere ad essa, attraverso procedimenti fisici, psichici e mistici atti a scoprire l’essenza intima dell’uomo, che è la Suprema. Lo Yoga, quindi, oltre allo studio, il darśana, prevede anche una costante pratica interiore, abhyasa, e un’ascesi, tapas.

Secondo la filosofia Yoga, ognuno di noi ha in sé la chiave della propria felicità e autorealizzazione, e lo yoga diventa il mezzo attraverso cui raggiungerle.

L’ultimo secolo ha visto una diffusione esponenziale dello Yoga. 

In esso gli Occidentali trovano un efficace strumento per mantenere il proprio corpo longevo e in salute, e riavvicinarsi contemporaneamente a quella dimensione spirituale e trascendente, che in molti hanno abbandonato, non riconoscendosi più nelle dottrine religiose diffuse. Lo Yoga ci ricorda che il nostro corpo va al di là di quello che è visibile, e che siamo parte di un cosmo in cui tutto è connesso. In più lo Yoga può essere praticato da chiunque, perché non è una religione e non presuppone l’adesione a qualche dottrina filosofica.

Nonostante i motivi che portano ad iscriversi ad un corso di yoga siano legati spesso al desiderio di trovare sollievo per dolori alla schiena o per il desiderio di cercare un’alternativa alla ginnastica o per rilassarsi, se la pratica viene svolta con intenzione e coscienza attiva, si avverte dopo poco il desiderio di scendere in profondità, e si comincia a comprendere quanto lo yoga sia così potente da provocare nel corpo e nella mente dei grandi cambiamenti.

Nonostante le asana, le posizioni statiche assunte durante la pratica yoga, sembrino quasi delle posizioni di stretching, queste vanno ad agire, attraverso l’utilizzo dei bandha e della respirazione, sul flusso di energia vitale nel nostro corpo sottile. Con il tempo e l’esperienza, ma soprattutto con il raggiungimento di una maggior consapevolezza fisica e mentale, lo yoga può diventare un mezzo per espandere la nostra coscienza.

La pratica costante ci aiuta ad entrare in contatto con la nostra verità interiore, portandoci a vivere con più consapevolezza e gratitudine la nostra vita quotidiana, e ad abbandonare abitudini nocive ricercando uno stile di vita più sano.